Come si utilizzano i fondi di caffè: in casa, in giardino, nella cosmesi…

Anche voi fate parte del popolo dei caffè dipendenti che non sanno dove mettere i fondi di caffè? Non intendete iniziare una nuova giornata senza aver sorseggiato la vostra adorata tazzina di caffè? Sappiate che siete in buona compagnia nel nostro paese si consumano infatti in media 6 kg di caffè all’anno a persona. Questo porta una produzione ingente di fondi di caffè, che vengono gettati nel CESTINO ogni qual volta svuotiamo la caffettiera, un vero peccato poiché i fondi del caffè rappresentano un valido aiuto per tutti quei piccoli problemi che si manifestano quotidianamente in casa. STILE NATURALE vi propone una guida agli usi alternativi dei fondi di caffè: scommettiamo che dopo averla letta ci penserete bene prima di buttarli via? Repellente per gli INSETTI Niente è più fastidioso di ritrovare la casa piena di formiche, spesso presi dalla volontà di sconfiggere questo incubo purtroppo ci affidiamo a prodotti ad alto contenuto tossico non pensando al danno che creiamo all’AMBIENTE, in nostro aiuto arrivano proprio i fondi di caffè. I fondi di caffè costituiscono una valida alternativa all’uso di queste sostanze, in particolare se avete bambini piccoli in casa che vengono attratti da queste trappole, poiché attraverso le loro proprietà riescono ad allontanare le formiche. Consigliamo di mettere il caffè in un piccolo contenitore lasciandolo aperto, così che le formiche entrando vengono annientate, potete anche spargerne un pochino sui punti di passaggio in modo da tenerle lontane. Una soluzione utile anche per respingere quegli insetti come chiocciole o LUMACHE che vanno a rovinare il vostro giardino. Spargendo i fondi di caffè intorno al giardino infatti vedrete l’abbandono di questi parassiti, tornando ad avere un giardino curato senza dover ricorrere all’utilizzo di PESTICIDI. Fertilizzante per le piante Grazie alle loro doti nutritive i fondi di caffè rappresentano un ottimo fertilizzante per le vostre piante. Basta aggiungerne una parte all’interno dei vasi dove crescono le piante sfruttando la forza dei loro elementi così da permettere la concimazione del terreno. Se possedete una compostiera domestica naturalmente potrete utilizzare i fondi di caffè per la preparazione del COMPOST, poiché appartenenti alla cosiddetta categoria “verde” ovvero un elemento ricco di azoto. I fondi di caffè contengono circa l’1,45% di azoto, ma non solo sono composti anche da magnesio, calcio, potassio e tracce di altri minerali. Il mondo dei prodotti per il giardinaggio è infinito e ognuno ha il suo preferito i fondi di caffè saranno utili anche a coloro che usano FERTILIZZANTI liquidi. Aggiungendo due tazze di fondi di caffè a un secchio d’acqua, dopo qualche ora di infusione, avrete il vostro fertilizzante liquido naturale per le piante da giardino e da vaso. E’ ideale come nutrimento per le foglie. Contro i cattivi odori in casa Come vi abbiamo illustrato nella precedente guida su come togliere i CATTIVI ODORI sono molteplici i RIMEDI NATURALI usati per assorbire gli afflati sgradevoli che si manifestano nelle nostre abitazioni. Anche i fondi del caffè fanno parte di questa lunga lista sembrano infatti avere delle buone proprietà assorbi odori, da provare all’interno dell’armadio riempiendo dei collant vecchi con una piccola parte di fondi di caffè. Scoprirete come i cattivi odori spariranno ovviamente l’odore del caffè è molto forte, quindi se volete smorzarne l’intensità sarebbe bene aggiungere qualche goccia di estratto di vaniglia, all’interno dei vecchi collant, così da ottenere un profumo più gradevole. Purtroppo spesso anche i nostri frigoriferi e congelatori vengono assaliti dai cattivi odori in questo caso servitevi dei fondi di caffè per combatterli. Inserite una vaschetta, da tenere scoperta (e da rinnovare ogni tanto), con un po’ di fondi di caffè all’interno del vostro frigorifero o congelatori. Per accrescere freschezza e senso di pulito aggiungete un paio di gocce di olio essenziale di menta. La stessa operazione può essere effettuata per ridurre il disgustoso odore di cicche: mettere un po’ di fondi di caffè all’interno dei portaceneri. I fondi di caffè diventano un ingrediente per la realizzazione di un DEODORANTE per l’ambiente naturale. Basta mischiarlo con acqua e un po’ di cannella e far levare il tutto a fuoco dolce il cattivo odore. Per eliminare le macchie più scomode I fondi di caffè sono degli utili alleati contro tutte quelle macchie mobili e pavimenti. Quando la macchia non vuole proprio andarsene, capita sopratutto con quelle di tipo zuccherino dovute a liquidi dolciastri, bibite gassate, o sciroppi, basta inumidire un panno morbido e passarlo sui fondi di caffè quindi strofinate delicatamente la superficie da trattare. La macchia sparirà immediatamente con risultati davvero sorprendenti! Questo vi eviterà l’utilizzo di sostanze chimiche che in molti casi danneggiano la superficie delicate con graffi e rigature. Con la polvere di caffè vengono tolti anche graffi chiari sui mobili in legno che ne mitigheranno il colore. Per accendere e pulire il camino Accendere il camino per riscaldarvi o meglio fare un barbecue delle volte risulta molto difficile, anziché servirsi di prodotti chimici, preparate dei bastoncini con vecchi giornali cospargendoli con la polvere dei fondi di caffè. Se ne possono preparare diversi e tenerli da parte per l’occorrenza. In questo modo riuscirete facilmente ad avere una buona fiamma dal vostro camino o barbecue. I fondi del caffè per il camino svolgono una doppia funzione, poiché buttando dei fondi di caffè bagnati all’interno del camino riuscirete a pulirlo in poche mosse mantenendo la quantità di polvere al minimo. Colorare i tessuti Sappiamo che numerosi prodotti vegetali consentono di COLO, i fondi di caffè fa parte di quel gruppo le loro proprietà coloranti consentono di intervenire anche su filati e tessuti conferendo tonalità calde o un ricercato effetto invecchiato. Aggiungendo un po’ d’acqua tiepida otterrete il vostro colore marrone anticato da usare anche per lavori di decoupage, realizzando delle deliziose creazioni oppure colorando qualche oggetto. Al termine dell’operazione asciugate sempre il tutto con un phon e spazzolate per eliminare la polvere. Il fissaggio avviene tramite stiratura a secco. E’ bene ricordare che ciascun tessuto o filato reagisce alla colorazione casalinga in maniera molto diversa essendo differenti i trattamenti industriali a cui inevitabilmente è stato sottoposto per essere messo in commercio. Per ravvivare il colore dei capelli Avere capelli nutriti e luminosi sembra essere il sogno di ogni donna ed in questo i fondi di caffè possono donare loro un aiutino. Infatti per ravvivare il colore dei capelli castani o neri sarà sufficiente strofinare sui capelli, dopo lo shampoo e prima dell’ultimo risciacquo, della polvere di fondi di caffè. Lasciate riposare per 10 minuti, successivamente sciacquatevi i capelli con un po’ di shampoo. Questo massaggio è utilissimo anche per prevenire la caduta dei capelli.

Leggi l’articolo qui: http://www.stilenaturale.com/news/1240/Come_si_utilizzano_i_fondi_di_caff%C3%A8_in_casa_in_giardino_nella_cosmesi.html

http://www.stilenaturale.com/news/1240/Come_si_utilizzano_i_fondi_di_caff%C3%A8_in_casa_in_giardino_nella_cosmesi.html

 

http://www.stilenaturale.com/news/1240/Come_si_utilizzano_i_fondi_di_caff%C3%A8_in_casa_in_giardino_nella_cosmesi.html

Advertisements

ways-to-use-coffee-grounds-in-the-garden

 

You are here: Home / Gardening / Vegetables / 5 Ways To Use Coffee Grounds In The Garden

5 Ways To Use Coffee Grounds In The Garden

February 18, 2013 by · 60 Comments

At a certain point I might as well admit that we drink a rather obscene amount of coffee. It’s almost all frugal, brew-at-home type coffee, but still: that stuff ads up.

Luckily, the grounds are almost as valuable as the liquid coffee, and we save them for use in the garden, thereby getting the most bang for our fair-trade-coffee-buck.

5 Ways To Use Coffee Grounds In The Garden

These are my five favorite ways to use coffee grounds in the garden.

Sheet Mulch

The majority of our grounds get dumped out, directly on the soil, as sheet mulch around around our berries and fruit trees. The common assumption is that coffee grounds are acidic, but tests on the pH of grounds have shown results from mildly acid to mildly alkaline, and research indicates that the pH of the grounds tends towards neutral as it decomposes. I use coffee grounds as a mulch around blueberries, fruit trees, currants and cane fruit, all with good result.

When you mulch with coffee grounds, don’t pile it on. That’s a sure-fire way to get moldy mulch. A good half-inch thick layer atop your normal organic mulch in any one spot will do nicely. It will break down relatively quickly as worms and soil microbes go to work, and when it does you can add more. Coffee works like any other organic mulch, with a few added advantages discussed below.

Side-dressing for Heavy Feeders

You probably know that the main nitrogen component in DIY organic fertilizers, like Steve Solomon’s famous mix, is seedmeal. Well, if you think about it, a coffee bean is a processed seed. As you’d expect, coffee grounds are high in nitrogen, at about 10%. Depending on the exact beans and extraction process, “the carbon to nitrogen ratio of coffee grounds can be as low as 11:1, an ideal ratio for plant and soil nutrition,” according to WSU extension.

With nitrogen levels like that, pure coffee grounds make an excellent side-dressing for leafy greens and hungry fruiting veg, like tomatoes and squash, early in their growth. I particularly like side dressing spinach with used coffee grounds.

Natural Slug Deterrent

Slugs get the heebie-jeebies crawling over coffee grounds. I think it scratches their slimy underbellies in an unpleasant way. Do you have some veg, like Napa Cabbage, that seems like a total slug magnet? Try banding coffee grounds in a uniform circle around the plant as a seedling, and keep the band topped up. It helps. I’m not giving away my Sluggo just yet, but it helps.

Vermicomposting

I know some people say that you shouldn’t feed worms coffee grounds, but I have Seattle worms. They’re all holding teeny Starbucks cups and wearing fleece vests as they crawl around their worm bin, talking about Python hacks and when they’ll finally be able to get up to the mountains to go snowboarding.

Coffee grounds aren’t the only thing I put in my worm bin, of course, but mixed in as part of a balanced diet of cardboard, shredded paper, kitchen scraps, banana peels and the like, the worms seem to process coffee grounds without any issue.

Suppression of Fungal Diseases

Decomposing coffee grounds have their own fungal and mold colonies and those fungal colonies tend to fight off other fungal colonies. If this seems weird, just remember that the antibiotic penicillin was developed from a mold. The world of teeny, tiny things is fighting for space and resources just as fiercely as the world of big, visible things, and you can use that to your advantage.

The natural mold and fungus colonies on coffee “appear to suppress some common fungal rots and wilts, including Fusarium, Pythium, and Sclerotinia species,” according to research. It’s hard to quantify exactly how this all plays out in the big outside world with millions of variables, but incorporating coffee grounds into your compost may help to prevent build-up of nasty verticulum and fusarium wilt inoculates. I figure it’s worth a shot. If I have coffee grounds on hand, I will throw a handful of grounds into the transplant hole for tomatoes, peppers or eggplant, since these plants tend to be susceptable to various wilts.

How do you use coffee grounds in your garden?

http://www.nwedible.com/2013/02/5-ways-to-use-coffee-grounds-in-the-garden.html

Progetto Buon Caffè

Progetto Buon Caffè

Il progetto Buon Caffè è un’iniziativa di Sant’Eustachio Il Caffè. Consiste nel destinare un premio extra delle vendite della tradizionale Miscela direttamente alla brasiliana Coopfam, una delle cooperative di caffè certificato equo e solidale da cui la torrefazione romana acquista la materia prima.

Protagonista di questo percorso è il consumatore, che può controllare il reale impiego del premio Sant’Eustachio tramite il meccanismo di rintracciabilità.

Avviato nel 2008 da Sant’Eustachio Il Caffè per festeggiare il suo 70° anniversario, il progetto Buon Caffè è un ulteriore impegno della storica caffetteria e torrefazione romana per favorire la diffusione del commercio equo e solidale.

La qualità della materia prima è da sempre un presupposto per Sant’Eustachio. Ma di recente anche la qualità dei rapporti commerciali ha assunto un ruolo fondamentale per la caffetteria. Oggi, la Miscela Sant’Eustachio è composta per la maggior parte da caffè Fair Trade, certificati FLO, il marchio internazionale del commercio equo e solidale.

I fondi del caffè come risorsa per il vostro giardino

I fondi del caffè come risorsa per il vostro giardino

Il caffè un fertilizzante a costo 0

Bere il caffè è un piacere quotidiano e irrinunciabile per molti di noi. La mattina appena svegli, in pausa durante il lavoro, dopo i pasti, ogni momento è un’ottima occasione per gustare la bevanda nera più amata dagli italiani e non solo …

Sapete che tutto il caffè che bevete può essere riutilizzato come compost? Il compost non è altro che il risultato della decomposizione o umidificazione di materie organiche. Questo può essere ricavato grazie a diversi metodi, dagli scarti del cibo al letame fino ai fondi del caffè considerati come uno dei concimi più efficaci e funzionali per il vostro giardino.

Immaginate quanto materiale per il compost potrete ricavare dai fondi del caffè prodotti durante la settimana dalla vostra moka, oppure chiedendoli al bar vicino che ne sforna in quantità industriale o anche direttamente dalla vostra macchinetta per il caffè espresso utilizzata nel posto di lavoro. Come potete vedere è molto facile ed economico reperire gli scarti organici utili per il compostaggio. Ovunque troviate i fondi tenete presente che per una resa ottimale è consigliabile utilizzarli quando ancora sono freschi perché provvisti di numerose sostanze nutritive.

Utilizzare i fondi del caffè quando sono ancora freschi

Se non avete molto tempo da dedicare alla cura e la manutenzione del vostro giardino, potete semplicemente spargere i fondi del caffè nel terreno o direttamente nelle piante. Il colore scuro ed intenso del caffè permette di assorbire calore dal Sole contribuendo al terreno di scaldarsi. Aggiungendo ulteriori sostanze nutrienti al suolo, si otterrà un utile alleato naturale contro parassiti, lumache e mosche che potrebbero minacciare le vostre piante ed i vostri  fiori.

“Offrite” un caffè alle vostre piante

Ottimi come fertilizzanti naturali, i fondi del caffè trovano un ulteriore efficace utilizzo per rendere il terreno più acido soprattutto per le piante di tipo acidofilo ( ideale per chi coltiva rose nel balcone o nel giardino). Ma non finisce qui. Secondo alcune ricerche recenti, emerge la concreta possibilità di utilizzo dei fondi per la produzione di un biocombustibile e di un dispositivo per la rimozione dei metalli così detti pesanti da acque contaminate.

Considerati come un materiale davvero eclettico, i fondi del caffè non sono più visti come un difficile rifiuto da smaltire e trattare ma come una vera e propria risorsa naturale.

http://caffeamodomio.com/tag/caffe-come-fertilizzante/

guadagno reale di una tazzina di caffè venduta al bar…

Si qualcuno ha fatto i conti sul guadagno reale di una tazzina di caffè venduta al bar?

Visto che in molti si lamentano che i baristi guadagnano cifre inaudite?

Ebbene facciamoli:

costo della miscela al chilo compreso iva circa € 20.

Costo della tazzina di caffè

€ 20:120= a tazza € 0.16

Valutazione quantità e incasso

Con un chilo di caffè considerando 7g. a porzione si ricavano 142 espressi ma bisogna considerare quelli scartati al mattino, quelli presi dal personale, quelli venuti male, quelli che servono per tarare la macinatura, il macinato che traborda, perciò ne considero 120 per chilo che per € 0,80= incasso x 1 kg. € 96.00

Costi accessori

Per costi accessori intendo la bustina di zucchero 4 g., il miele, il fruttosio, l’eventuale cioccolatino, il tovagliolo di carta il lavaggio in lavastoviglie che comprende detersivo, manutenzione macchina,  tecnico, soda, ecc… energia che su 120 clienti serviti ecc.. € 0,20

Consumo di energia

Una macchina da caffè a 3 gruppi consuma intorno ai 6 kw/ora, che (dopo una ricerca “anche nel sito enel” non sono riuscito ad avere dati esatti) all’incirca costa 0,25 ora x 6 x 34 ore = circa piu macinino e spazio occupato dal caffè in frigo al giorno € 40.00 € 40:24 ore : 60 minuti al minuto € 0.030

Affitto del locale

Affitto 100 mq. In zona semicentrale compreso iva  € 2400: 25 gg lavorativi : 16 ore lavorative : 60 minuti € 0.1.00

Arredamento e attrezzature

arredamento € 200.000 ammortizzabile in 5 anni € 40.000 all’anno più interessi del 4% al mese € 3500.00

ammortamento al minuto

€ 3500.00 : 25 giorni lavorativi : 16 ore lavorative : 60 minuti = € 0.150

Costo del personale

Un dipendente che guadagna € 1200 al mese costa all’azienda € 2500 che suddiviso per i giorni effettivamente lavorati. Abbiamo un costo giornaliero di 8 ore circa € 119.00

Costo al minuto dell’operatore

€ 119 : 8ore € 14,875 : 60 minuti = € 0,25

Tempo di preparazione e servizio di una tazza di caffé

Il tempo di preparazione medio di una tazzina di caffé è di circa 35 secondi

considerando quando capitano ordini da 2

ma anche il tempo per lo stoccaggio e la pulizia della macchina

e dello spazio adibito.
Costo in manodopera per la preparazione di una tazzina di caffè

€ 0.25: 60 secondi = € 0.150

Riepilogando:

Costo della tazzina di caffè € 0.16.00

Costi accessori € 0,20.00
Consumo di energia
al minuto € 0.030: 60 x 35 € 0.0175
Affitto del locale al minuto
€ 0.1.00: 60 x 35 = € 0.0060
ammortamento al minuto
€ 0.150 : 60x 35 € 0.0875
Costo in manodopera per 35 secondi
€ 0.15.00                               

Totale € 0,627

€ 0.627 è il costo reale che un gestore di bar sostiene per produrre una tazzina di caffè che su € 0.80 di incasso della vendita della tazzina crea un utile provvisorio di € 0.175 pari al 22%

Senza considerare:

le pulizie dell’intero locale, l’utilizzo dei bagni, il consumo idrico, la tassa sulle immondiziela tosap per un eventuale dehor,sky, per il calcio, la rai per la televisione, la siae,l’iva, le imposte, le tasse e balzelli vari etc. etc.

Accetto contradditori ed osservazion…Cordialità

Stefano Renzetti

http://blog.bar.it/?p=701

una tonnellata di caffè…

Fondi del caffè per realizzare funghi

 

Fondi caffè per realizzare sedie e altro (potreste farli con il vostro marchio, quale migliore forma di marketing del prodotto… )

“…L’azienda londinese Re-worked produce tavoli e sedie con un nuovo materiale, il Curface (unione di Coffee Surface). Una volta sterilizzati, i fondi di caffè, provenienti da uffici, caffetterie e fabbriche alimentari sono mescolati con plastica riciclata e compressi in lastre di colore scuro proprio come il caffè, di cui emanano anche l’aroma. Il prodotto finale risulta riciclato al 99%. Gli oggetti creati in questo modo, al tatto, risultano una via di mezzo tra la pelle e il legno, richiedono poca manutenzione e possono essere puliti con un detergente delicato e acqua calda… Re-worked ha impiegato le lastre per ottenere sedie e tavoli di design, dalla linea semplice ma molto di tendenza; l’obbiettivo è quello di realizzare una linea da proporre a bar e caffetterie per un arredamento eco-friendly che sensibilizzi all’idea del riciclo e al rispetto dell’ambiente.

 

articolo descrittivo e riepilogativo di cosa si può fare dal caffè!

 

http://vocearancio.ingdirect.it/focus/il-riciclo-e-nella-caffettiera/

 

di seguito un preventivo di massima dei profitti derivati da una tonnellata di caffè:

 

 

preventivo ricavi di massima

kg di rifiuti.

ricavo da  fertilizzante venduto a 5 €/kg

ricavo di mobilia venduta 20 €/kg

ricavo di mobilia venduta 20 €/kg

ricavo totale

9

€ 5,00

€ 22,00

€ 6,00

€ 297,00

1

€ 5,00

€ 22,00

€ 6,00

€ 33,00

1000

€ 5,00

€ 22,00

€ 6,00

€ 33.000,00

         

preventivo costi di massima

 

costi produzione fertilizzanti

costi produzione mobilia

costi produzione bicchieri e posate

costo totale

9

€ 1,00

€ 11,00

€ 2,00

€ 126,00

1

€ 1,00

€ 11,00

€ 2,00

€ 14,00

1000

€ 1,00

€ 11,00

€ 2,00

€ 14.000,00

   

 

 

 
preventivo profitto di massima stimato su un anno in riferimento allo scarto procapite medio di ogni cittadino, in riferimento ad un kg di fondo caffè  ed una tonnellata.

kg

profito annuo

9 kg pro capite annui di rifiuti si guadagnano …da una tonnellata di fondo di caffè pulito si guadagna con le dovute proporzioni 19.000,00 euro. Il riuso conviene oltre che a livello di immagine ha le sue ricadute propositive sul brand!

9

€ 171,00

1

€ 19,00

1000

€ 19.000,00

 

caffè: una miniera di antiossidanti

Nei fondi del caffè
una miniera
di antiossidanti

Il caffè è una fonte inesauribile di antiossidanti. Anche i suoi resti, i cosiddetti fondi del caffè, ne contengono abbastanza da essere interessanti per chi cerca fonti alternative di queste molecole dall’attività anti-invecchiamento. A dimostrarlo sono le analisi condotte dai ricercatori dell’Università di Navarra di Pamplona (Spagna) e della Technische Universität di Berlino (Germania), pubblicate sul Journal of Agricultural and Food Chemistry.

 

L’importanza della preparazione. Le analisi in questione hanno svelato un altro particolare interessante: la quantità di antiossidanti che rimane nei fondi del caffè non dipende dalla miscela utilizzata nella preparazione, ma nel metodo scelto. I ricercatori, infatti, hanno concentrato la loro attenzione su due diversi tipi di caffè – miscela Arabica e miscela Robusta -, ma hanno svelato che ciò che conta è se vengono utilizzate per preparare un espresso tradizionale o un infuso, se vengono usate sotto forma di cialde o se sono utilizzate all’interno di una caffettiera moka. In quest’ultimo caso la capacità antiossidante di un estratto acquoso dei fondi del caffè è trascurabile. Nelle altre situazioni, invece, ne è pari, rispettivamente, al 59,2-85,6%, a un massimo del 42% e al 46 -102,3% di quella del caffè pronto da bere.

 

Un possibile business. Per quanto riguarda il tipo e i livelli di antiossidanti residui, nei fondi del caffè si trovano quantità di acidi caffeilchinici da 4 a 7 volte maggiori che nella bevanda preparata, corrispondenti a 6,22-13,24 milligrammi per grammo di fondo. Fra queste molecole la più rappresentata è l’acido dicaffeilchinico, presente in concentrazioni di 3,31-5,79 milligrammi per grammo di fondi del caffè. I ricercatori hanno spiegato che ogni anno nel mondo vengono prodotto 20 milioni di tonnellate di fondi del caffè, la maggior parte delle quali sotto forma di cialde esauste o di scarti delle macchine per l’espresso utilizzate sia in casa, sia negli esercizi commerciali. Tutti questi avanzi potrebbero presto diventare fonti preziose di antiossidanti e di altre sostanze utili.

di Silvia Soligon (15/01/2013)